Volgarità verbale, specchio dei tempi.

Sarà il pervadere del malcostume, dell’irriverenza coniugata anche ad un livello di politica allo sbando comunicativo e relazionale che ammetto di non essermi sorpreso più di tanto dalla trasposizione del pensiero maschile del Sindaco Bandecchi.

Di fronte a questi fatti, si inforca o manganello, dipende dai tempi, la via del buoncostume come prima sponda, per finire su quella maschilista o patriarcale successivamente.

Sarò simpatico a pochi scrivendo questo pensiero ma essendo per natura un frequentatore di generi, classi sociali e culture diverse non trovo che questo abuso di volgarità verbale, in grado di tracimare nella dominazione o nel peggiore dei casi, in violenza criminale appartenga a qualcuno o qualcosa di specifico.

Ci troviamo in una società dove l’epiteto offensivo, l’insulto non si risparmia a nessuno, basta poco, il momento sbagliato e se proviamo a farlo notare educatamente rischiamo anche di esser farciti di pugni.

Non serve andare in quartieri o locali malfamati come una volta additavano al volgo, basta cercare un parcheggio, entrare al pronto soccorso, in banca o al supermercato. Accade al professore quanto all’operaio, o al dentista.

Non esiste il sommesso, il sottinteso di una volta, provate ad ascoltare la conversazione di uomini ma anche donne quando vira verso la fisicità del fortunato o fortunata di passaggio, in un bar, palestra, metropolitana, la verità è che nessuno risparmia apprezzamenti si va da un bel fondoschiena o petto femminile all’abbondanza di un pacco nei jeans maschili.

Dicono degli uomini ma ascoltate un gruppo di ragazze o donne appartate cose dicono o scrivono sotto i post del figo maschio, se peraltro l’hanno conosciuto a fondo non risparmiano neppure dettagli e giudizi sulle prestazioni anche di fronte ad altri. È tristemente quello che da una vita accade nei maschi ma l’ormone è pari e patta.

Lo scandalo non sono gli apprezzamenti sdoganati da chi ha perso il comune senso del pudore, ma la volgarità del linguaggio colorito e fuori luogo, è stato abolito negli anni il rispetto attraverso la forma espressiva.

Non riusciamo a dire una frase senza citare l’organo maschile o femminile o imprecare i Santi e se questo lo fanno gli adulti e peggio ancora chi rappresenta un’Istituzione, come possono parlare le nuove generazioni?

Fatevi avanti conservatori della buona educazione.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su
Share via
Copy link
Powered by Social Snap