Il carattere socio culturale del docu-film lecchese.

Gli anni ‘70 non furono solo austerity, un ricordo sbiadito che torna a riaffacciarsi ai giorni nostri ma anche l’avvento della radiofonia privata. La forza della libera espressione di musica e pensiero sgretolava il monolite della radio di Stato. Una massa impetuosa di iniziative imprenditoriali e di volontariato in grado di dare colore al grigio istituzionale delle onde medie.

Non servivano open space o capannoni, semplicemente piccoli locali, addirittura garage o soffitte, contava l’entusiasmo, la passione per la musica e la tecnologia. L’emittenza privata fu una piccola rivoluzione culturale, l’ingessatura della classica conduzione, lasciava spazio ad improvvisazione, commenti e discussioni ma il cambiamento più importante lo fece la partecipazione diretta degli ascoltatori in vari programmi di intrattenimento, quiz o dedica dei vari palinsesti.

I giovani finalmente ascoltavano da subito i loro pezzi e artisti preferiti dopo l’uscita del vinile anziché aspettare intermezzi in noiose trasmissioni. Una vittoria anche contro una rigida e subdola censura in grado di silenziare cantautori come Battisti, Paoli, De André, Guccini per citarne alcuni i cui brani venivano omessi durante l’intramontabile Hit Parade di Lelio Luttazzi. 

Più che le città, quello che colpì in tutto ciò, fu il fermento e l’attività delle piccole provincie del Paese, da nord a sud le emittenti sorgevano come funghi e avevano successo. In Lombardia, quel ramo del Lago di Como, Lecco e dintorni contribuì non poco alla crescita di questo fenomeno. L’intraprendenza di giovani imprenditori, commercianti e tecnici unita all’inconsapevole coraggio di ragazzi talentuosi di simpatia e comunicazione con bagaglio musicale, diede vita non solo a emittenti radiofoniche ma anche televisive.

Altrettanti giovani giornalisti poterono misurarsi sul campo, supportare e coordinare vere e proprie redazioni in grado di dare voce al territorio e alle sue genti. Esperimenti che di lì a poco, divennero vere e proprie attività imprenditoriali e di servizio pubblico apprezzate, supportate e condivise dalla gente divenuta oramai un tutt’uno con l’emittente e i suoi protagonisti. Molti di loro negli anni a venire divennero professionisti altri, pur cambiando attività restano ancora oggi con quella passione nel cuore.

Ogni boomers lecchese ha un ricordo vivido di quegli anni, dei pomeriggi e le sere passate in camera con la radio accesa, come pure le signore intente nei lavori di casa ascoltavano, ridevano e telefonavano ai loro beniamini in radio. I figli millenials hanno sentito molte volte i racconti dei genitori, hanno conosciuto il loro entusiasmo intravedendo quella follia inaspettata nascosta dalla semplice passione per le radio e le tv locali di quegli anni.

Molti ricordano ancora il timbro della voce, i volti, nomi e cognomi e persino l’attacco dei saluti ad inizio trasmissione. Possiamo affermare che tutto questo fu più di un semplice fenomeno di costume, fu un momento di storia locale che stenterà a sbiadire, proprio grazie al passaparola, ai documenti e alle testimonianze ancora vive.

Nel documentario “Lake Sharks – Storie di Radio e Tv Lecchesi”, Il giovane regista e documentarista Andrea Gianviti e il team, attraverso un meticoloso lavoro, ha saputo dare un contributo prezioso alla città di Lecco e agli altri Comuni del territorio protagonisti di questa storia. Ha reso memorabile e visibile un patrimonio che consideriamo oggi pubblico.

L’impegno, la dedizione e la passione che diedero vita ad un prodotto straordinario, vedono il contributo di centinaia di migliaia di ascoltatori e telespettatori di allora, ecco perché tutto questo appartiene a tutti, ad ogni singola comunità. I reperti audio e video archiviati, quanto foto, articoli ed altro raccolti, sono testimonianze visive di quel lavoro e quel successo.

La città di Lecco dovrebbe essere orgogliosa di un lavoro che va oltre il semplice prodotto di creatività intellettuale perché questo è un prodotto storico, socio culturale di cui potranno in seguito usufruire scuole, associazioni e comune stesso. Un documento disponibile a chiunque voglia conoscere o approfondire un fenomeno socio-economico culturale di quegli anni che ha portato il nome della città e del territorio oltre i confini locali fino ad occupare un posto di rilevo nella produzione radiotelevisiva nazionale. 

È suggestivo quanto importante che nuove generazioni abbiano voluto fotografare immortalando un momento storico che non gli appartiene ma significativa è la volontà di farne tesoro, carpire la forza della motivazione e unione che al di là del business accomunava i ragazzi di allora verso un traguardo più grande di loro.

È proprio l’incoscienza e la poca consapevolezza a voler essere studiata e a fungere da leva per giovani di oggi ripiegati da mille difficoltà e scarse opportunità, forse in questo documentario troveranno la chiave per agire e credere in un futuro migliore. 

Chiudo questo pensiero rivolgendomi agli imprenditori, commercianti e istituzioni locali affinché comprendano con spirito costruttivo il valore di questo prodotto multimediale e come gli ascoltatori e telespettatori di quegli anni, lo sentano proprio e mezzo di appartenenza alla comunità sostenendo così in piccola parte i costi di produzione. 

1 commento su “Il carattere socio culturale del docu-film lecchese.”

  1. Bei ricordi, gli impegni, i sacrifici, vivere la comunità delle radio da dentro ha formato decine e decine di persone.
    Accomunati dalla passione vivevamo gli eventi in relazione a quanto si avrebbe poi fatto dietro al microfono, ogni piccola cosa era lo spunto per nuove idee, per ulteriori esperienze e tutto girava attorno a lei ……… la radio privata (così all’epoca veniva definita) ma per noi era grande GRANDE come la piu grande di tutte.

    Grazie dierttore anche per i tuoi consigli e suggerimenti, per le tirate d’orecchie e i predicozzi, tutto era ed è stato utile non solo professionalmente ma soprattutto umanamente, questo è il bagaglio che mi porto dietro da quelle esperienze iniziate dietro ad un microfono scrauso due giradischi di plastica economica ed un mixer gracchiante.

    Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su
Share via
Copy link
Powered by Social Snap