Quando il giornalismo di “razza” diventa rozzo.

Il giornalista è un professionista del settore dell’informazione; si occupa di scoprire, analizzare, descrivere e scegliere notizie per poi diffonderle.

Anche nella definizione dei comuni vocabolari, l’esprimere opinioni non è contemplata ma va da sé non esista altro “influencer” all’infuori di lui, almeno, fino al recente fenomeno di costume legato alla Rete.

Per fare opinione però, serve talento, cultura, competenza; necessita aver una penna che sappia graffiare, motivare, incitare ad azioni o a riflessioni di merito. Molto lontani quindi, da giornalisti servili troppo avvezzi a strisciare, ammaliati dal pifferaio del potere di turno.

Solitamente, trattasi di mediocri figure collocate in ruoli impropri attraverso raccomandazioni, non certo quelle a cui si riferisce il Prof.Sgarbi, soggetti capaci a cui merita offrire un’opportunità.

In altri Stati, qualificarsi come opinionisti, significa possedere un titolo di merito positivo, o di esperienza certificata in settori specifici; in Italia, dare dell’opinionista a qualcuno vuol dire degradarlo al pari della solita compagnia briscola televisiva fatta da riciclati, raccomandati, molte volte senza alcuna competenza.

Abbiamo avuto e abbiamo maestri di giornalismo quello “vero, pochi purtroppo. Tra loro, sembra diventata consuetudine, offrire presenza nei salotti televisivi, diventando appunto “opinionisti di razza”.

Mentre alcuni diradano le apparizioni e comunicano con quello stile che rappresenta la loro scrittura altri, si sono trasformati in personaggi tivù, spostando più sulla rappresentazione che sulla sostanza i loro interventi.

Alcuni hanno fatto della loro arroganza ed anzianità di servizio l’elemento vincente per audience e business, annichilendo lo stile trasformato in eccesso se non in volgarità.

Il tono con cui titolano editoriali o si rivolgono a chicchessia in virtù di cognome e potere, li colloca fuori dai “grandi”, aggettivo che spetta solo a chi intende il rispetto come virtù professionale. 

E voi che ne pensate?

Rispondi

Torna su
Share via
Copy link
Powered by Social Snap